30 novembre 2010

IL "MAFIOSO" DON RODRIGO

La figura di Don Rodrigo nel romanzo “I Promessi Sposi” ricopre il ruolo dell’antagonista, cioè colui che ostacola il protagonista. È un personaggio di origine spagnola che, vittima della sua ricchezza, compie atti di violenza nei confronti dei cittadini agendo spesso attraverso i Bravi, uomini a suo servizio. Manzoni non presenta una descrizione fisica, ma attraverso le  azioni di Don Rodrigo si possono capire alcune caratteristiche del suo carattere. Si può considerare il tiranno del paese, infatti compie il male per la sicurezza della sua posizione sociale e per l’appoggio di persone poco scrupolose che gli garantiscono l’impunità. In sintesi si può dire che Don Rodrigo è un personaggio predisposto al male, un personaggio che pretende attraverso la violenza il rispetto dei compaesani. Nonostante sia malvagio Rodrigo non ha il coraggio delle sue azioni, anzi è intimorito dalle conseguenze che esse possono causare. Il suo obiettivo principale fu quello di impedire il matrimonio tra Renzo e Lucia, protagonisti del romanzo, costretti a scappare per salvare il loro amore. Probabilmente Don Rodrigo dopo le minacce di Padre Cristoforo avrebbe abbandonato l’impresa, ma vi rimane soprattutto per una questione di orgoglio personale.
A distanza di 400 anni paragonare Don Rodrigo ad un personaggio attuale è ben difficile e complesso: può esistere un Don Rodrigo dei nostri tempi? Potrebbe essere, oggigiorno, un pretesto valido intromettersi in un matrimonio per ottenere uno scopo ben preciso? Ne vale la pena nonostante non si ottengano buoni risultati?
A queste domande è difficile rispondere perché oggigiorno esistono organizzazioni di potere che agiscono in vari livelli: politico, scolastico, civile..Un esempio di queste è la mafia, un’organizzazione ormai diffusa ovunque che, nascosta agli occhi dei cittadini, sottostà al presidio di un’unica fonte, che attraverso dei collaboratori soddisfa le proprie richieste. Queste organizzazioni, quindi, sono gestite a livello gerarchico da un individuo che può essere paragonato al Don Rodrigo del seicento. Anche se operano in ambiti diversi, entrambi i Don Rodrigo agiscono per il male, ma la loro malvagità ha limiti diversi: il Don Rodrigo del seicento ha un limite preciso, mentre quello attuale supera i limiti della dignità civile.

Carolina Rossi

6 commenti:

  1. Anonimo15:43

    siamo sicuri che nei promessi sposi don rodrigo non presenta caratteristiche fisiche :3

    RispondiElimina
  2. L'INCUBO DEL REGIME
    Nonostante le tasse che pagano le sue aziende contribuiscano riccamente al mantenimento dello Stato e ad ingozzare persino i suoi stessi persecutori, viene
    Diffamato da certi giornali e programmi televisivi perché vuole impedire le diffamazioni cambiando il modo di informare...
    Contestato e deriso dalla stampa estera, la quale viene istigata da certa stampa nazionale...
    Inquisito da certi magistrati che non vogliono rinunciare ad una comoda vita di scandalosi privilegi, impedendo che si inserisca nella legislatura la responsabilità delle loro inquisizioni...
    Attaccato da certi sindacati perché vuole eliminare quelli che proteggono gli enti inutili, le cooperative rosse e quei sindacalisti che, non avendo mai lavorato, pretendono di difendere i diritti dei lavoratori...
    Perseguitato da un regime che non vuole rinunciare alla sua vecchia ideologia, la quale ha e sta provocando tanti danni in certi paesi...
    Il cavaliere continua la sua tenace battaglia, a volte con umorismo ma decisa, per impedire che il regime, di nuovo pelo ma di vecchio vizio come il lupo, riesca ad imporre al popolo italiano le sue perverse aspirazioni.
    - da COCOMIND.com - La voce del dissenso

    RispondiElimina
  3. Anonimo12:10

    Don Rodrigo, uno tra i più ricchi e prepotenti uomini del seicento, È l'antagonista per eccellenza nel romanzo "I Promessi Sposi". Vuole cercare a tutti costi di non far celebrare il matrimonio tra i due giovani innamorati Renzo e Lucia, rischiando spesso il tutto per tutto senza avere il coraggio delle sue azioni anzi avendo paura delle conseguenze che esse potevano portare.
    Di sicuro come cita il post la mafia ne è un suo simile, infatti agisce sempre per il male anche se I loro limiti sono diversi, visto che questa va oltre la dignità umana. Secondo il mio parere un'altra forma simile a Don Rodrigo è l'Isis(stato islamico dell'Iraq e della Grande Siria). Questa organizzazione, che di sicuro non fa del bene ma anzi porta terrore e orrore nei nostri pensieri, è un gruppo jihadista attivo in Siria e in Iraq Che l'Onu e altri singoli stati a riconosciuto come una tra le maggiori e minacciose organizzazioni terroristiche. Quest'ultima compie atti che vanno di sicuro al di fuori di ogni limite cercando di prevalere con la forza e incutere timore agli altri stati.
    Tommaso Cera 2^BU

    RispondiElimina
  4. Anonimo14:44

    Don Rodrigo, è colui che nel romanzo crea male e terrore ma non si sporca mai le mani; il lavoro sporco difatti viene esercitato dai Bravi, uomini a suo servizio.
    Manzoni non descrive fisicamente Don Rodrigo e non penso che il suo aspetto fisico si possa capire dal suo comportamento.
    Il modo in cui viene paragonato alla mafia dei giorni nostri non sembra appropriato anche se entrambi creano del male. Tra Rodrigo e la mafia c'è una grande differenza, il primo è un uomo solo che comanda su altri uomini a lui fedeli, mente nella mafia tutti, chi più chi meno, agiscono per il male (c'è chi uccide e chi ordina un uccisione).
    Dimitrova Iva, 2BU

    RispondiElimina
  5. Anonimo12:56

    Tutti noi lettori conosciamo Don Rodrigo come un personaggio malvagio, che prova soddisfazioni agendo contro il bene altrui, anche se, come citato nel post e nei commenti precedenti, è timoroso delle conseguenze che possono derivarne.
    Ma come possiamo sapere quale sia l'origine del suo essere e del modo in cui si atteggia, essendo oscurati dalla storia della sua vita? Personalmente, ritengo che, nella maggior parte dei casi, una persona acquisisca un certo grado di cattiveria, in conseguenza a determinate esperienze vissute nella propria vita. Tali esperienze, spingono la persona a focalizzare il mondo intorno a sè stessa, assumendo, di conseguenza, atteggiamenti meschini e superficiali, a scopo di perseguire fini personali e di provare sensazioni gratificanti.
    Probabilmente, questa teoria può riguardare Don Rodrigo, intento a impedire il matrimonio fra i due promessi sposi, ma senza dubbio, si riferisce a qualsiasi essere umano.
    Burdeniuc Valeria, 2BU

    RispondiElimina