5 giugno 2011

UN PADRE PER LUCIA



La figura di Padre Cristoforo nel romanzo è quasi un simbolo dell'eterna lotta tra il bene e il male, tra la forza spirituale e quella materiale, è un personaggio molto significativo che non si limita a dare dei consigli, ma agisce personalmente per aiutare Lucia.
Lucia è una ragazza umile, con nobili sentimenti, conscia dei suoi doveri di donna e di cristiana. Una strana sorte l'ha portata in mezzo a una serie di intrighi e di terribili vicende, ma anche di fronte al pericolo e al dolore ha trovato dentro di sé le risorse per ristabilire l'equilibrio e la pace dello spirito. Infatti, fin dal principio, pur essendo così angelica e sottomessa, ha saputo trovare in sé la forza di tener custodito un suo segreto. In tutto questo però c'era l'approvazione e l'appoggio di Fra Cristoforo, il suo padre spirituale.
Come si sa la figura del padre è essenziale nella vita di una persona, non solo di un bambino, ed è il personaggio che ha innanzitutto il compito di introdurci nella conoscenza della realtà totale e nel rapporto adeguato con essa.
Lucia, orfana di padre, vede in Padre Cristoforo l'unica persona capace di offrirle una soluzione alla difficile situazione in cui si trova e d'altro canto quest'ultimo non esita a venirle in aiuto.
Padre Cristoforo ha, invece, una storia travagliata di un padre che vergognandosi di essere mercante ha voluto educare i migliori cavalieri e nobili del tempo, introducendo così il figlio in un mondo di orgoglio e presunzione nel quale si trova a disagio. Il fatto drammatico ha reso Lodovico responsabile di due omicidi. Una volta presa la decisione nulla lo farà desistere dal suo desiderio di emendarsi e di vivere dolcemente la nuova strada che la Provvidenza gli ha indicato, che è appunto quella della paternità spirituale. In questa vicenda diventa un punto di riferimento affettuoso, capace di accogliere e perdonare, benevolo, di mente aperta e di animo generoso; ma allo stesso tempo deciso, puntiglioso e duro (vedi il discorso che fa a Lucia nel lazzaretto).
Fra Cristoforo è proprio come un “padre” quando risolve il problema di Lucia, si serve della sua autorità per sciogliere quel voto che lei sicuramente aveva fatto in un momento di forte e incontrollata emozione.
Inoltre ora che i due promessi sposi si sono effettivamente ritrovati, Padre Cristoforo, postali davanti a sé, idealmente li sposa e a loro, come è consuetudine, volge un discorso pieno di suggerimenti sul senso della vita e del dolore.
Comportamento questo che ciascun padre farebbe nei confronti del proprio figlio/a davanti a una scelta così importante come il matrimonio.
Che Padre Cristoforo sia il padre mancato di Lucia? Voi cosa ne pensate?

Federica Gaspari

5 commenti:

  1. Anonimo14:48

    Padre Cristoforo potrebbe essere stato davvero un buon padre per Lucia, e per lui sarebbe stato un modo per sentirsi amato.
    Padre Cristoforo con amore, e semplicità aiuta Lucia, proteggendola e aiutandola, lei d'altronde si fida ciecamente di lui, e cerca in egli una fonte di appoggio.
    Viene rappresentato come il "protettore" della giovane, e come il suo custode.
    Secondo me Lucia sarebbe stata davvero felice di avere un padre come lui.
    Credo che se fosse stato suo padre Lucia avrebbe potuto avere da molto prima, una figura paterna su cui contare, una persona dove rifugiarsi, e dove cercare sostegno.
    I.D 7

    RispondiElimina
  2. Anonimo05:47

    Sicuramente Padre Cristoforo si sarebbe potuto rivelare un buon padre per Lucia. E' stato colui che, in effetti, l'ha sempre aiutata nei momenti più difficili, combattendo accanto a lei e a Renzo una grande battaglia contro il potente Don Rodrigo, il quale dall'inizio del romanzo ostacola la storia d'amore dei due protagonisti. Possiamo paragonarlo all'angelo custode di Lucia, ma anche ad un pilastro al quale la giovane si può appoggiare per qualsiasi necessità. Senza il suo appoggio, Lucia, già contraddistinta da una personalità fragile, non avrebbe retto agli ostacoli che le si presentavano davanti.
    Alessia Liotto

    RispondiElimina
  3. Anonimo06:15

    Padre Cristoforo sicuramente puotrebbe essere un'ottimo padre per Lucia , anche se nel romazo viene descritto come il suo protettore per le opere che ha compiuto per aiutare non solo Lucia ,ma anche Renzo che ,a conti fatti per Padre Cristoforo erano solamente due estranei che si volevano sposare e avrebbe potuto fare come fanno ormai tutti , girare la testa dall'alra parte e lasciareche i potenti facciano i loro comodi ,invece Padre Cristoforo si è scieratosubito in prima linea per aiutare Lucia .
    Indubbiamente Padre cristoforo sarebbe un eccellente padre per Lucia.
    giacomofabris8

    RispondiElimina
  4. Anonimo14:15

    Devo ammettere che se non ci fosse stato l'Innominato, il mio personaggio preferito sarebbe sicuramente stato Padre Cristoforo, perchè sia all'inizio che alla fine della storia ha fatto qualcosa per aiutare i nostri personaggi.Nonostante egli non fosse questa "presenza" come Borromeo o l'Innominato egli ha aiutato a cambiare maggiormanete la storia, prima aiutando ad andare via Renzo e Lucia dal paese natale e al finale con il suo aiuto il voto di castità di Lucia è stato "sfatto".Potrebbe sicuramente essere una figura paterna per Lucia, spiritualmente parlando, perchè egli è sia un rappresentante del Cristianesimo, religione in cui crede la nostra protagonista, ma anche per il suo già prima citato aiuto nella storia.Mi dispiace solamente che alla fine egli sia morto però forse è il finale degno per un "eroe" del suo calibro.
    Piana Andrea

    RispondiElimina
  5. Anonimo11:35

    Padre Cristoforo ha sempre sostenuto Lucia e penso che per lei sia stato il padre mancato.La figura autoritaria di cui lei aveva bisogno,e allo stesso tempo, quella figura pronta ad aiutarla stando dalla sua parte e confortandola in questi ultimi anni di sofferenza che ha dovuto patire. Alla fine del libro,si possono trovare i loro ultimi dialoghi, perchè Padre Cristoforo morirà lasciando partire Lucia per la sua strada ora libera di sposare il suo vero amore, non scappando più dalla vita. La scena in cui Cristoforo scoglie il voto è stata molto significative, perchè dopo questo cammino duro e travagliato si è arrivati ad una fine e Cristoforo avendo fatto il possibile per aiutare Lucia come un padre, è morto felice.
    Emma Baesso

    RispondiElimina