7 giugno 2011

UNA PIOGGIA DI SALUTE

                               

“Appena infatti ebbe Renzo passata la soglia del lazzeretto e preso a diritta, per ritrovar la viottola di dov'era sboccato la mattina sotto le mura, principiò come una grandine di goccioloni radi e impetuosi, che, battendo e risaltando sulla strada bianca e arida, sollevavano un minuto polverìo; in un momento, diventaron fitti; e prima che arrivasse alla viottola, la veniva giù a secchie. Renzo, in vece d'inquietarsene, ci sguazzava dentro....
Ma quanto più schietto e intero sarebbe stato questo sentimento, se Renzo avesse potuto indovinare quel che si vide pochi giorni dopo: che quell'acqua portava via il contagio; che, dopo quella, il lazzeretto, se non era per restituire ai viventi tutti i viventi che conteneva, almeno non n'avrebbe più ingoiati altri”

Sicuramente oggi la pioggia viene vista come una delle cose peggiori che possiamo incontrare in una nostra giornata e sicuramente non come una svolta, ma piuttosto come un handicap che ci può creare non pochi disagi. Figuriamoci una tempesta!!
Con Manzoni, invece, questo fenomeno viene utilizzato per dare una svolta fondamentale al romanzo. Se non ci fosse stata una grande tempesta, il romanzo sarebbe potuto terminare...magari per l'assenza di personaggi, dato che molti sarebbero morti a causa della peste. La pioggia, cosa che il popolo ignorava, era un ottimo rimedio e un'ottima cura proprio alla peste che stava sterminando moltissime persone. Scelta forzata quindi o scelta stilistica?? La pioggia infatti è anche un elemento che purifica e Manzoni come sappiamo voleva sottolineare nel suo capolavoro la necessità di una svolta anche nelle vita del tempo, una necessità di purificare la città di Milano dagli stranieri.
Come tutti sanno l'acqua è fondamentale per la sopravvivenza ed è anche un argomento che è sempre nei discorsi delle persone ed al quale si attribuiscono valori positivi ma anche negativi. Per prima cosa basta pensare ai periodi secchi e aridi, nei quali si prega che piova, ma alla fine non accade quasi mai. Poi, però, quando finalmente piove, non è una noia e un dispiacere, ma al contrario una festa e un sollievo, proprio come per Renzo quando nel lazzaretto cercava Lucia. Altro esempio di queste feste è sicuramente l’Africa con le celebrazioni tradizionali delle varie tribù in favore dell’acqua che offre loro enorme sollievo. Ci sono però anche aspetti negativi che riguardano l’acqua. Non si può non citare l’alluvione dei primi di Novebre del 2010 che ha colpito e immobilizzato la città di Vicenza per quasi tre giorni. Si fanno anche molte domande sull’acqua! Una su tutte “l’acqua deve essere privatizzata o no?” A questo proposito è stato anche indetto un referendum popolare.
Insomma, l’acqua è un elemento utilazzato nella vita di tutti i giorni, certe volte non molto preso in considerazione, ma che ha contribuito addirittura a formare la storia letteraria del nostro Paese e magari potrebbe modificare anche il “futuro” attuale dell’Italia…in base magari al referendum! E voi cosa pensate dell’acqua e dei suoi “effetti”?

Matteo Fontana

6 commenti:

  1. Anonimo11:52

    Quante volte si è sentito parlare dei pregi dell'acqua che non va sprecata, che non bisogna buttarla via, che ci sono persone che non ne hanno, e quante volte si è sentito parlare dei danni dell'acqua come ad esempio alluvioni, smottamenti, avvelenamenti per acqua contaminata ecc. ecc. Spesso negli ultimi tempi ci si concentra sugli aspetti negativi perché la nostra regione così come altre parti d'Italia ne sono state colpite. Ma non bisogna dimenticarsi il valore inestimabile dell'acqua che purifica nutre e fa fiorire la vita in noi e anche intorno a noi. Chiaro che fa' un altro effetto svegliarsi la mattina con un sole splendente in un cielo azzurro, piuttosto che vedere che fuori dalla finestra è nuvoloso e piove, io stesso mi rigirerei sul cuscino e riprenderei a dormire, però la natura è fatta così e se per vivere serve anche questo allora mi vestirò adeguatamente e mi tirerò su un ombrello.
    Amilcare Tronca 21

    RispondiElimina
  2. Anonimo05:59

    L'acqua è una fonte inestimabile per la vita sulla terra e da secoli viene prima studiata e analizata in laboratorio ma nei tempi dei promessi sposi l'acqua veniva anche preservata e per questo che ,forse, manzoni ha voluto compiere questa scelta proprio perchè a quell'epoca l'acqua era una risorsa preziosissima e che può portare giovamento o morte e distruzione.
    Ma l'acqua come la pioggia fanno parte del ciclo infinito della vita sulla terra l'acqua porta vita e quindi anche noi dobbiamo preservare questa vita .
    giacomo fabris8

    RispondiElimina
  3. Anonimo05:25

    Post interessante! La pioggia è sicuramente un simbolo di vita e di rigenerazione poiché portatrice di acqua che secondo i filosofi antichi rappresenta l'origine di ogni cosa. Molto spesso è un bene che viene sottovalutato al giorno d'oggi ma nell'antichità era considerato da preservare perché prezioso e indispensabile per il proseguimento dell'esistenza. Purtroppo i numerosi alluvioni che si sono verificati nella nostra regione ci hanno portato quasi ad odiare l'acqua perché la percepiamo come un ostacolo o nel peggiore dei casi come un elemento distruttivo che minaccia la nostra quotidianità.
    L'acqua in ogni caso rimane un bene inestimabile di cui noi non possiamo privarci.
    Alessia Liotto

    RispondiElimina
  4. Anonimo17:25

    Post veramente interessante! L'acqua in sé è l'elemento più importante nel nostro pianeta, senza di essa la popolazione non riuscirebbe a vivere a lungo.
    L'uomo molto spesso non si rende conto dell'importanza dell'acqua e per questo la si rovina con rifiuti tossici che provocano sempre più spesso danni permanenti. Appena l'umanità finirà l'ultima goccia di acqua ci renderemo conto del disastro accaduto.
    Come tutte le cose nel mondo l'acqua ha degli aspetti negativi; ha una potenza inimmaginabile ed incontrollabile, quindi possono capitare disastri naturali come: tsunami, alluvioni e inondazioni.
    Resta comunque uno dei beni più preziosi che la Terra ha.
    Pardis Naghieh

    RispondiElimina
  5. Anonimo15:23

    Quel passo del capitolo mi è piaciuto particolarmente, spesso, non solo nei libri, ma anche nei film la pioggia, la tempesta è usata come elemento di cambiamento della storia, da un certo punto di vista. Nei I Promessi Sposi la pioggia viene usata come elemento di benessere, di purificazione. L'acqua è importante in sè e il fatto che Manzoni la abbia utilizzata per dare un certo cambiamento importante allo scorrere della storia mi è piaciuto, moltissimo.
    Elisa Sbalchiero

    RispondiElimina
  6. Anonimo17:27

    Bel post! Come tutti sanno l'acqua è un elemento indispensabile per la sopravvivenza. Molto spesso però ci dimentichiamo di questo e ci lamentiamo anche per una leggera pioggerellina.
    Nel 1600 però la pioggia è stato un fattore indispensabile per "eliminare" la peste e per purificare le città.
    Nonostante tutto, con il passare del tempo,dimentichiamo il suo immenso valore e tendiamo a sprecarla.
    Bisogna ricordare che l'acqua può provocare però molti danni(alluvioni,tsunami,...).
    Per concludere l'acqua è un elemento che va conservato e non sprecato perché prima o poi potrebbe finire.
    Chiara Pegoraro

    RispondiElimina